Proseguendo la navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie necessari per fornirvi offerte e servizi in linea con i vostri interessi. Per saperne di più consultate la nostra Privacy Policy OK

IPB - LUTS e disfunzione sessuale



La patologie prostatiche sono tra le malattie più frequenti nel maschio al di sopra dei 50 anni. Tra queste l’Ipertrofia Prostatica Benigna (IPB), patologia caratterizzata dall’aumento progressivo del volume della ghiandola prostatica e dal peggioramento dei parametri uroflussometrici dei pazienti che ne sono affetti.

Caratteristica dell’IPB è la proliferazione cellulare e il conseguente incremento dimensionale del tessuto prostatico periuretrale; tali modificazioni strutturali sono, a loro volta, responsabili di alterazioni del processo minzionale e della compromissione dello svuotamento vescicale cui consegue la comparsa di un corteo di sintomi tipici correlati (Lower Urinary Tract Symptoms, LUTS) che variano dalla nicturia, alla frequenza urinaria ed urgenza, fino alla diminuzione del flusso, al flusso intermittente con svuotamento incompleto della vescica. Il corteo di sintomi cui è collegata l’IPB interferisce notevolmente sulla qualità di vita del paziente; evidenze scientifiche dimostrano infatti che l’aggravamento progressivo della sintomatologia ad essa correlata (LUTS) porta a un peggioramento misurabile della qualità di vita.

Numerose evidenze scientifiche suggeriscono un legame tra le Patologie prostatiche (IPB,Prostatite, CaP) e i disordini andrologici (disfunzione erettile, disfunzione eiaculatoria, infertilità). Studi epidemiologici dimostrano inoltre che i problemi di erezione sono significativamente più frequenti negli uomini con LUTS e sono fortemente connessi con la gravità dei sintomi urinari, indipendentemente dall’età e da altre comorbidità.

I sintomi del basso tratto urinario (LUTS), causati spesso da ipertrofia prostatica benigna (IPB), e le disfunzioni sessuali sono frequenti negli uomini adulti, con una prevalenza complessiva stimata di oltre il 50% negli uomini sopra i 50 anni e ripercussioni importanti sulla Qualità di Vita (QoL).

Un importante studio del 2003 (Cologne Male Survey) stima che la prevalenza dei sintomi del basso tratto urinario (LUTS) in uomini che soffrono di Disfunzione Erettile (DE) è pari al 72,2% rispetto al 37.7% in uomini con una normale erezione. I risultati ottenuti dalMultinational Survey of the Aging Male (MSAM-7), indicano che i problemi di erezione sono significativamente più comuni negli uomini affetti da LUTS.

La sessualità è una componente fondamentale della Qualità di Vita. Agire sul miglioramento della sintomatologia urinaria e sulla riduzione del danno endoteliale può contribuire ad evitare l’insorgenza o ritardare la comparsa di disfunzioni sessuali gravi.